Se le mestruazioni si fermano dopo l’alba, si può digiunare?

pic1

La domanda:

Se una donna sa che il giorno successivo le sue mestruazioni si fermeranno [sarà pura], deve digiunare quel giorno e poi recuperarlo perché non aveva l’intenzione [di digiunare] la notte precedente? Il suo digiuno è valido? Possa Allah ricompensarla con il bene. 

La risposta:

Ogni lode spetta ad Allah, il Signore dei mondi. Che la pace e le benedizioni siano su colui che Allah ha mandato come misericordia per i mondi, sulla sua Famiglia, i suoi Compagni e i suoi Fratelli fino al Giorno della Resurrezione.

Se le mestruazioni di una donna terminano prima dell’alba, oppure sa che sarà pura dopo [l’alba], all’inizio del giorno di Ramadan, e non rompe il suo digiuno, allora quest’ultima [situazione] è valida e non deve recuperare quel giorno, perché aveva l’intenzione di digiunare la sera precedente – nel secondo caso non è possibile. Si dice che questo caso sia un eccezione del hadith riportato da Hafsa رضي الله عنها che il Profeta صلَّى الله عليه وسلَّم ha detto: “Colui che non ha l’intenzione di digiunare prima dell’alba, il suo digiuno non è valido” (1). Questo hadith è una prova che sostiene l’obbligo di avere l’intenzione di digiunare. L’intenzione [di digiunare] la si dovrebbe avere durante uno dei momenti della notte; ma questo riguarda colui che lo può fare, perché, “Non c’è responsabilità per qualcosa che non possiamo fare”.

Quindi, chi non può farlo [il digiuno], e a chi emerge la possibilità di digiunare all’inizio della giornata [e digiuna], si applica un’eccezione. Questo caso è simile a quello del ragazzo che raggiunge la pubertà, l’uomo stolto che diventa sano di mente e il miscredente che si converte all’Islam. E’ la stessa cosa per colui che non sa che quel giorno è uno dei giorni di Ramadan; e questo in base al hadith riportato da Salama Ibn Al-Akwa’ e Ar-Rubayyi Bint Mu’awwidh, narrato da Al-Bukhari e Muslim che il Profeta صلَّى الله عليه وسلَّم ordinò ad un uomo della tribù di Aslam di chiamare la gente e dire: “Chi ha mangiato deve digiunare per il resto del giorno e chi non ha mangiato deve continuare il suo digiuno”. (2)

La conoscenza perfetta appartiene ad Allah عزّ وجلّ. La nostra ultima preghiera e le lodi sono per Allah, il Signore dei mondi. Che la pace e le benedizioni siano sul nostro Profeta, la sua Famiglia, i suoi Compagni e Fratelli fino al Giorno della Resurrezione.

Shaikh Muhammad ‘Ali Ferkous
_____________________________________

(1) Riportato da Abu Dâwûd, capitolo del “Digiuno” (hadith 2456), At-Tirmidhi, capitolo del “Digiuno” (hadith 734), An-Nassâ’i, capitolo del “Digiuno” (hadith 2345), Ahmad (hadith 27214), Ad-Dâraqutni nel suo “Sunan” (hadith 2239) e Al-Bayhaqi (hadith 8161) sull’autorita di Hafsa رضي الله عنها. Giudicato autentico da Al-Albâni in “Sahîh Al-Jâmi`” (hadith 6538) ed in “Al-Mishkât” (hadith 1987).
(2) Riportato da Al-Bukhâri, capitolo del “Digiuno” (hadith 1924) e (hadith 1960) e Muslim, capitolo del “Digiuno” sull’autorita di Salama Ibn Al-Akwa` e Ar-Rubayyi` Bint Mu`awwidh رضي الله عنهم.

Traduzione a cura di www.alghurabaa.net
Pubblicazione autorizzata dall’amministrazione di www.ferkous.com

Annunci