La supplica (du’a) durante il mese di Ramadan

Tutte le lodi appartengono ad Allah e che la Sua Pace e Benedizioni più complete siano su colui che è stato mandato come misericordia per l’umanità, sulla sua famiglia e tutti i suoi compagni.

Cari nobili fratelli e sorelle, assalamu alaikum wa rahmatullahi wa barakatuh.

In questo episodio, rifletteremo su un’azione devota e un nobile atto di adorazione che è esaltato durante il mese di Ramadan: l’adorazione della supplica (du’a). In verità, la supplica è un atto di adorazione estremamente importante. Allah عز وجل lo ama e ama la gente che supplica in ogni momento. Quindi il servo non deve annoiarsi di supplicare Allah سبحانه وتعالى dato che è occupato in un atto di adorazione estremamente importante. E insieme a questo, chi supplica Allah عز وجل ed è privo delle questioni che gli impediscono che la sua supplica sia accettata, allora Allah risponderà alla sua supplica. Sia che Egli risponda dandogli ciò che [il servo] ha chiesto, sia che gli dia qualcosa di meglio di ciò che ha chiesto. Oppure deviando un male da lui, o riservandolo per lui come un livello in Paradiso.

La supplica è esaltata durante il Ramadan, Allah عز وجل ha citato tra i versetti sul digiuno:

“Quando i Miei servi ti chiedono di Me, ebbene Io sono vicino! Rispondo all’appello di chi Mi chiama quando Mi invoca. Procurino quindi di rispondere al Mio richiamo e credano in Me, sì che possano essere ben guidati.” [Corano 2: 186]

I Sapienti hanno detto che questo versetto si trova tra i versetti sul digiuno per indicare che l’importanza della supplica è esaltata durante il mese di Ramadan. Ed è stato confermato in un numero di ahadith che la supplica di colui che digiuna non è respinta mentre sta digiunando. Tutto il tempo che digiuna, dal momento in cui si trattiene al fajr fino a quando rompe il suo digiuno. E la sua supplica non è respinta e la sua supplica è accettata ed Allah سبحانه وتعالى gli risponderà. Quindi la persona che digiuna supplica all’inizio del suo digiuno, nel mezzo del suo digiuno e supplica quando rompe il suo digiuno. E questo è il momento in cui, ogni notte, si è liberati dal Fuoco dell’Inferno. Quindi la persona che digiuna dovrebbe impegnarsi a supplicare all’avvicinarsi del momento della rottura del suo digiuno, quando la gioia della rottura del digiuno si avvicina. E dovrebbe supplicare anche dopo che ha rotto il digiuno. Dovrebbe chiedere ad Allah عز وجل di accettarlo da lui dicendo:

“ذَهَبَ الظّمَأ،ُ و ابتْلَّتِ العُروق، و ثبََتَ الأجرُ إنِْ شاءَ الله”“la sete è andata, le vene sono inumidite e la ricompensa è confermata in shaa Allah”

Chiedo ad Allah عز وجل di farci essere tra coloro che supplicano enormemente, coloro dai quali Lui accetta e ai quali Egli risponde alle loro richieste. La conoscenza perfetta appartiene ad Allah تعالى, che la Sua Pace e Benedizioni siano sul nostro Profeta.

Shaikh Sulayman Ar-Ruhayli حفظه الله
Fonte
Traduzione a cura di alghurabaa.net