Il pentimento sincero

“O credenti, pentitevi davanti ad Allah d’un pentimento sincero.” [Surah At-Tahrim: 8]

Nella spiegazione di questo versetto, At-Tabari, nel suo Tafsir, riporta che fu chiesto ad ‘Umar bin Al-Khattab رضي الله عنه del vero pentimento (taubah) ed egli rispose: “È che un uomo si pente di una cattiva azione, e non la ripete mai più.”. Egli riporta anche che ‘Umar disse: “È che ti penti del peccato e non lo ripeti mai più, o che non hai intenzione di ripeterlo mai più.”

In un modo simile, egli riporta da ‘Abdullah Ibn ‘Abbas رضي الله عنه che disse: “Una persona si pente e non torna mai più al peccato” e “Significa che una persona non torna più al peccato del quale si è pentito.”

Mujahid è citato per aver detto: “Essi chiedono il perdono di Allah e non tornano mai più al peccato.”

Qatadah è citato per aver detto: “È il pentimento vero e sincero.”

At-Tabari, Tafsir At-Tabari, nel commentario di Surah Al-Tahrim.
Traduzione a cura di alghurabaa.net