Shaikh Abdur-Razzaq Al-Badr

L’angelo che regge il trono

Da Jabir Ibn Abdullah رضي الله عنهما che il Messaggero di Allah صلى الله عليه وسلم ha detto:

“Mi è stato dato il permesso di parlare di uno degli angeli di Allah che reggono il Trono di Allah سبحانه و تعالى. La distanza dal lobo del suo orecchio alla sua spalla equivale a un viaggio di settecento anni”.

(altro…)

Annunci

Le gravi conseguenze dello shirk

“Se una persona esegue il hajj, la preghiera e digiuna con sincerità, ma commette Shirk nel du’a, tutta la ricompensa per il hajj, la preghiera e il digiuno sarà annullata. La prova di questo è:

“Invero a te e a coloro che ti precedettero è stato rivelato: “Se attribuirai associati [ad Allah], saranno vane le opere tue e sarai tra i perdenti.” [Surah az-Zumar: 65]

Spiegazione di Usul Ath-Thalatha, sesta lezione di Shaikh Abdur-Razzaq Al-Badr حفظه الله
Traduzione a cura di alghurabaa.net

Curarsi con il Corano

Shaikh ‘Abdur-Razzaq Al-Badr حفظه الله:

Al-Fudayl Ibn ‘Iyad, dagli Imam dei Tabi’in, trascorse quarant’anni della sua vita ed era conosciuto come uno dei più grandi criminali. Era un bandito. Le caravane lo temevano. Fino a quando ha raggiunto i quarant’anni di età.

(altro…)

La preghiera del munafiq (ipocrita)

Il hadith, che si trova in Sahih Muslim, in cui il Messaggero di Allah, صلى الله عليه وسلم, ha detto: “Questa è la preghiera del munafiq”, “Questa è la preghiera del munafiq”, “Questa è la preghiera del munafiq”, per tre volte, l’ha ripetuto con l’intenzione di avvertire, dissuadere dal pregare la salah del munafiq. E quando una persona sente questa dichiarazione ripetuta per tre volte, il cervello automaticamente si domanda, “Qual è la preghiera del munafiq?” E il cuore di una persona sincera se lo chiederà al fine di starne lontano. Egli صلى الله عليه وسلم, ha detto: “Questo è il modo in cui l’ipocrita compie la salah”; la rimanda, la ritarda fino a quando il sole (è quasi tramontato), fino a quando il sole è tra le corna dello Shaytan, quindi si alza e compie quattro raka’ di preghiera scomposte, a casaccio, ricordandosi a mala pena di Allahسبحانه وتعالي. Quindi, il Profeta صلى الله عليه وسلم, ha descritto questa preghiera con tre attributi:

(altro…)

O sorella in Islam!

“O sorella in Islam, temi Allah! Tu sicuramente Lo incontrerai. E tra le cose che ti saranno chieste, è se hai agito in base ai comandi e alle guide benedette che si trovano nel Libro del Signore di tutte le creature e negli Ahadith del Messaggero (sallaAllahu ‘alayhi wa sallam).”

Shaikh Abdur-Razzaq Ibn Abdul-Muhsin Al-‘Abbad
Da “Un piccolo consiglio e ammonimento per le donne” – pag 47-48
Traduzione a cura di alghurabaa.net