L’angelo che regge il trono

Da Jabir Ibn Abdullah رضي الله عنهما che il Messaggero di Allah صلى الله عليه وسلم ha detto:

“Mi è stato dato il permesso di parlare di uno degli angeli di Allah che reggono il Trono di Allah سبحانه و تعالى. La distanza dal lobo del suo orecchio alla sua spalla equivale a un viaggio di settecento anni”.

(altro…)

Annunci

Le gravi conseguenze dello shirk

“Se una persona esegue il hajj, la preghiera e digiuna con sincerità, ma commette Shirk nel du’a, tutta la ricompensa per il hajj, la preghiera e il digiuno sarà annullata. La prova di questo è:

“Invero a te e a coloro che ti precedettero è stato rivelato: “Se attribuirai associati [ad Allah], saranno vane le opere tue e sarai tra i perdenti.” [Surah az-Zumar: 65]

Spiegazione di Usul Ath-Thalatha, sesta lezione di Shaikh Abdur-Razzaq Al-Badr حفظه الله
Traduzione a cura di alghurabaa.net

Partecipare alle celebrazioni che includono bid’ah allo scopo di obbiettare e spiegare la verità

Fatwa n. 6524

Domanda:

E’ permesso partecipare alle celebrazioni che includono bid’ah (innovazione nella religione) come la celebrazione del Mawlid (il compleanno del Profeta), la notte di Mi’raj (ascesa al Paradiso), e la quindicesima notte di Sha’ban, specialmente se la persona crede che [queste celebrazioni] non siano permesse e ha intenzione di spiegare la verità alle persone?

(altro…)

Le differenze tra gli Ahlul-Sunnah e gli Shi’ah

La domanda:

O Nobile Shaikh, può citare quali sono le differenze più importanti tra i Sunni e gli Shi’ah?

Shaikh Ibn Al-‘Uthaymin رحمه الله:

Le differenze tra i Sunni e gli Shi’ah sono tantissime. Ma tra le più grandi ed importanti è che gli Ahlul-Sunnah pregano per la misericordia (da parte di Allah) dei Compagni رضي الله عنهم. Essi dicono “Nostro Signore, perdona noi e i nostri fratelli che ci hanno preceduto nella fede, e non porre nei nostri cuori alcun rancore verso i credenti. Signor nostro, Tu sei dolce e misericordioso.” [Corano 59:10] (altro…)

Il fondamento di “al-hanifiyyah”, la religione di Ibrahim

[Da “Le quattro regole sullo Shirk” di Imam Muhammad Ibn Abdul-Wahab رحمه الله]

Sappi, che Allah ti accordi l’abilità di obbedirGli, che la hanifiyyah, la religione di Ibrahim, è che tu adori solo Allah, rendendo la religione sincera solo per Lui, così come Allah dice:

“È solo perché Mi adorassero che ho creato i dèmoni e gli uomini.” [Surah Adh-Dhariyat: 56]

Quindi, quando arriverai a capire che Allah ti ha creato al fine di adorarLo, saprai che l’adorazione non è chiamata adorazione a meno che non sia accompagnata dal Tawhid, proprio come la preghiera non è chiamata in quel modo a meno che non sia accompagnata dal [rituale] della purità. Quindi, se lo Shirk (attribuzione di qualcuno o qualcosa ad Allah nella sua Divinità) entra nell’adorazione di un individuo, esso (lo Shirk) la corrompe (corrompe l’adorazione), così come se l’impurità entrasse nel [rituale] della purità.

(altro…)