Athar

Quattro distinzioni di Abu Bakr

È stato riportato che Al-Sha’bi رحمه الله disse:

“Allah عز وجل ha distinto Abu Bakr Al-Siddiq رضي الله عنه con quattro qualità, con le quali Egli non ha distinto nessun altro: lo ha chiamato Al-Siddiq (il vero credente) e non ha chiamano nessun altro Al-Siddiq. Abu Bakr è stato il compagno del Messaggero di Allah صلى الله عليه وسلم nella caverna e il suo compagno durante la migrazione (al-hajirah); e il Messaggero di Allah صلى الله عليه وسلم gli disse di dirigere la preghiera in presenza del resto dei musulmani.”

Abu Bakr Al-Daynuri, Al-Mujalasah wa Jawahir Al-‘Ilm articolo 2815.
Traduzione a cura di alghurabaa.net

La casa nella quale si recita il Corano

È riportato che ‘Abdullah Ibn Mas’ud رضي الله عنه disse:

“La casa nella quale non si recita il Corano è come una casa abbandonata che nessuno mantiene.”

(altro…)

Dare il mondo per la scienza islamica

E’ riportato che l’Imam Al-Hasan Al-Basri رحمه الله disse:

“Imparare un singolo argomento di scienza [islamica] e insegnarlo ad un musulmano, mi è più caro dell’avere il mondo intero e darlo nella causa di Allah.”

Al-Khatib Al-Baghdadi, Al-Faqih wa Al-Mutafaqqih articolo 53.
Traduzione a cura di alghurabaa.net

I quattro occhi

È riportato che Khalid bin Ma’dan رحمه الله disse:

“Non c’è persona che non abbia quattro occhi: due nella sua testa, con i quali guarda le cose di questa vita terrena, e due nel suo cuore con i quali guarda le cose dell’Aldilà. Quindi, se Allah vuole il bene per il Suo servo, Egli apre gli occhi del suo cuore e così [il servo] percepisce ciò che gli è stato promesso nel mondo invisibile. Così è salvo dalla [punizione] invisibile attraverso [la ricompensa] invisibile per colui che obbedisce.”

Al-Dhahabi, Siyar A’lam Al-Nubala’ 4: 543
Traduzione a cura di alghurabaa.net

La cosa migliore dopo l’Iman e la cosa peggiore dopo il kufr

È stato riportato che una volta ‘Umar Ibn Al-Khattab رضي الله عنه si rivolse alla gente dicendo:

“Nessun uomo può avere qualcosa di meglio, dopo la fede (Iman), di una donna dal carattere pio, [che sia] amorevole e fertile. E nessun uomo può avere niente di peggio, dopo la miscredenza (kufr), di una donna dalla lingua tagliente e con un brutto carattere.”

Al-Hafidh Abul-Qasim Al-Asbahani, Al-Targhib wa Al-Tarhib, articolo 1528. È presente in altre raccolte con una leggera variazione delle parole.
Traduzione a cura di alghurabaa.net