Manhaj

La morte dei cuori di cui non ci preoccupiamo

In questo anno 1441 Hijri [abbiamo avuto] incendi, tempeste, cavallette, malattie mortali, cicloni, varie calamità oltre che tortura, esilio e sangue che non smette [di scorrere], affinché tornassimo [da Allah] e ci pentissimo. (altro…)

La più grande calamità che ha colpito i ricercatori di conoscenza

Se vuoi ricercare la conoscenza (‘ilm), la prima questione alla quale devi prestare attenzione è che devi affrettarti. Perché la vera calamità, quando si tratta di conoscenza (‘ilm), è la procrastinazione.

(altro…)

Pregare tra i due adhan di Jumu’ah

Shaikh Ibn al-‘Uthaymin رحمه الله:

“Quanto al fatto che alcune persone pregano tra i due adhan di Jumu’ah (preghiera del venerdì), [c’è da dire] che questo non è basato su nessuna prova (dalil) e non è legiferato [nella religione islamica].”

Silsilah Fatawa Nur ‘ala al-Darb, cassetta numero 184
Traduzione a cura di alghurabaa.net

[6] Imparate gli obblighi

Il quinto argomento >>>

Il sesto argomento riguarda gli obblighi.

E’ stato narrato in un hadith marfu’: “Imparate gli obblighi”. E fu narrato in precedenza da ‘Umar, raccolto da Sa’id Ibn Mansur, in cui egli disse: “Imparate la Sunnah e gli obblighi”. E fu narrato da Ibn Mas’ud, raccolto da al-Bayhaqi in Sunan al-Kubra: “Imparate gli obblighi”. E faraidh (obblighi) ha due significati.

(altro…)

“Hayyak Allah” o “assalamu alaikum”?

Tra i consigli dei Salaf ai giovani, vi è ciò che è narrato da Abu Nu’aym nel suo libro, al-Hilyah, da Muhammad Ibn Suqa. Egli disse:

“Incontrai Maymun Ibn Mahran e gli dissi ‘hayyak Allah’ (che Allah accresca la tua vita).” (altro…)