La nascita del Profeta (sallallahu ‘alayhi wa sallam)

Mohamed_peace_be_upon_him

Una risposta tempestiva alla gente deviata che innova nella Pura Religione di Allah e crea celebrazioni per il compleanno (o ciò che essi sostengono sia il compleanno) del Profeta (sallAllahu ‘alayhi wa sallam).

“La celebrazione del Mawlid non ha alcun fondamento nel Libro né nella Sunnah, e questa azione non è registrata da nessuno degli studiosi di questa Ummah, coloro che vengono presi come Imam da seguire e che aderiscono alle narrazioni. Piuttosto, si tratta di un’innovazione che è stata introdotta dalla setta dei Battalun.” 

L’ANNO DELLA SUA NOBILE NASCITA

Secondo l’opinione più corretta degli studiosi, il Profeta (sallAllahu ‘alayhi wa sallam) nacque nella città di Mecca nell’anno dell’Elefante (nell’anno 570 o 571), nel mese di Rabi’ul Awwal . [1]

IL GIORNO DELLA SUA NOBILE NASCITA

Vi è un accordo tra gli studiosi che sostiene che il Profeta (sallAllahu ‘alayhi wa sallam) sia nato di Lunedi, ed egli disse: “Sono nato in quel giorno e la Rivelazione è scesa su di me in quel giorno.” [2] Tuttavia, per quanto riguarda la data esatta della sua nascita, gli studiosi hanno differito al riguardo, anche se molti studiosi dicono che sia nato il 12 di Rabi’ul Awwal.

Imam an-Nawawi (m. 676H) – rahimahullah – disse:

“Vi è un accordo che sia nato un Lunedi di Rabi’ul Awwal. E vi è una differenza di opinione se quel giorno sia stato il 2, 8, 10 o 12 del mese – e queste sono le quattro opinioni più note riguardo a questo”. [3]

EVENTI AL MOMENTO DELLA SUA NOBILE NASCITA

Sono stati riportati alcuni eventi miracolosi che si sono verificati al momento della nascita del Profeta (sallAllahu ‘alayhi wa sallam). Tuttavia, la maggior parte di essi non sono autenticamente legati, anzi sono da’if (deboli) o mawdu’ (fabbricati) e, pertanto, non possono essere usati come prova sicura, come la narrazione in cui si afferma che alcune delle gallerie del palazzo di Kisra si siano rotte e siano crollate, che il sacro fuoco dei magi si sia spento, e che alcune delle chiese sul lago Sawah siano crollate. [4] Ad ogni modo, è autenticamente correlato che il Profeta (sallAllahu ‘alayhi wa sallam) abbia detto: “Io sono un risultato della supplica di mio padre Ibrahim e la lieta novella portata da ‘Isa (‘alayhi salam). E mia madre – quando mi partorì – vide una luce che brillava proveniente da lei, e che illuminava i palazzi in Siria … ” [5]

CELEBRARE IL GIORNO DELLA SUA NOBILE NASCITA

Imam al-Fakihani (m. 734H) – rahimahullah – disse: [6]

La celebrazione del Mawlid non ha alcun fondamento nel Libro né nella Sunnah, e questa azione non è registrata da nessuno degli studiosi di questa Ummah, coloro che vengono presi come Imam da seguire e che aderiscono alle narrazioni. Piuttosto si tratta di un’innovazione che è stata introdotta dalla setta dei Battalun. [7]

Per quanto riguarda l’origine di questa celebrazione di recente invenzione, alcuni degli studiosi ricercatori hanno dichiarato che la prima persona ad innovare tale pratica sia stata ‘Umar ibn Muhammad al-Mula nella città di Mawsil in ‘Iraq, nel corso del quarto secolo, come menzionato da Imam Abu Shamah (m. 665H). [8] Fu seguito nei suoi giorni da artisti del calibro di Abul-Khattab ‘Umar Ibn Dihyaa: “che era occupato in Occidente, poi viaggiò in Siria, poi si recò nella città di Irbil in ‘Iran, nel corso del IV secolo, dove trovò il suo re, Mudthaffarud-Din Ibn Zaynud Din mostrando un vivo interesse per il milad (compleanno) del Profeta (sallAllahu ‘alayhi wa sallam). Così egli compose un libro per lui intitolato ‘at-Tanwir Fi Mawlidis Sirajil Munir ‘, recitò questo al re, che poi gli conferì un migliaio di dinari”. [9]

Imam Malik (m.179H) – rahimahullah – disse:

“Chiunque introduca nell’Islam una novità, e ritiene che sia qualcosa di buono, ha affermato che Muhammad (sallAllahu ‘alayhi wa sallam) ha tradito il suo messaggio. Leggete la dichiarazione di Allah – L’Altissimo:

“Oggi ho reso perfetta la vostra religione, ho completato per voi la Mia grazia e Mi è piaciuto darvi per religione l’Islam” [Surah al-Ma’idah 5:3]

Quindi, a quei tempi, questo non era parte della religione, non può essere parte della religione oggi. E l’ultima parte di questa Ummah non può essere corretta, se non per quello che corregge la sua prima parte. “[10]

Quindi, se la pratica di celebrare miladun-nabi (il compleanno del Profeta) fosse stato qualcosa di lodevole, allora: “I Salaf – che Allah si compiaccia di loro – l’avrebbero istituita. Perché erano coloro che provavano il più grande onore e amore per il Profeta (sallallahu ‘alayhi wa sallam) e un maggiore zelo nel fare del bene. Di certo, l’espressione più perfetta per dimostrare l’amore e l’onore per lui è di seguirlo, obbedirlo, osservando i suoi comandamenti, sostenendo e rilanciando la sua Sunnah – sia interiormente che esteriormente – e diffondendo il suo massaggio con il cuore, la mano e la lingua. Tale era il percorso dei Compagni e coloro che li hanno seguiti nel bene.” [11]

Note:

[1] Conferito in at-Tarikh (pag. 53) di Khalifah Ibn Khayat, as-Sirah (1/167) di Ibn Hisham, inoltre Tabaqatul Kubra (1/62) di Ibn Sad.

[2] Conferito da Muslim (2/820) e Ahmad (5/297)

[3] Tahdhib Siratun Nabawiyyah (pag. 20) di Imam an-Nawawi.

[4] Munkar: Correlato da Imam adh-Dhahabi in as-Siratun Nabawiyyah (pag. 11-14) che ha detto: “Questa narrazione è munkar gharib (respinta e strana).”

[5] Correlato da al-Hakim in al-Mustadrak (2/600) e Ibn Kathir in al-Bidayah an-Nihayah (1/229) che ha detto: “La catena di narrazione è buona e forte”. Fare riferimento a as-Sahihah (n. 1545) di Shaikh al-Albani.

[6] Al-Mawrid Fi ‘Amalil Mawlid (pag. 21-22)

[7] I Battalun: E’ una delle sette deviate degli Shi’ah Batiniyyah dai Fatimid – come detto da al-Maqrizi in al-Khatat (1/490).

[8] al-Ba’ith ‘ala ‘Inkaril Bida’ al-Hawadith (pag. 23-24), Ibnul Jawzi ha dichiarato qualcosa di simile in Miratuz Zaman (8/310).

[9] al-Bidayah wan-Nihaayah (13/144-145) di al-Hafidh Ibn Kathir.

[10] Correlato da al-Qadi ‘Iyyadh in ash-Shifa fi Huquqil Mustafa (2/676).

[11] Iqtida’us Siratil Mustaqim (pag. 295) di Shaikh-ul Islam Ibn Taymiyyah.

da Troid.ca

Traduzione a cura di www.alghurabaa.net

Annunci