Imam Malik e la posizione delle sue mani durante la preghiera

pr1

Spiegazione di Shaikh Sulayman Ar-Ruhayli حفظه الله

La domanda:

Alcuni fratelli pregano con le loro mani in giù, al lato dei loro fianchi, quando sono alzati durante la preghiera. Quando diciamo loro di mettere le loro mani sul petto, essi dicono: ‘Il nostro madhab è Maliki; preghiamo con le nostre mani in giù. Imam Malik pregava con le sue mani tenute giù al lato dei suoi fianchi?

La risposta:

Non c’è dubbio, o fratelli, che la Sunnah è di porre la mano destra sulla mano sinistra sul petto, durante la preghiera. E Imam Malik رحمه الله è tra gli Imam della Sunnah, e un sapiente con grandi virtù tra questa Ummah. Egli esaltava la Sunnah con venerazione estrema. Diceva: “La dichiarazione di chiunque può essere accettata o rifiutata ad eccezione della persona in questa tomba”. Ed egli puntava alla tomba (del Profeta Muhammad صلى الله عليه وسلم) perché egli era a Medina, nella moschea del Profeta, صلى الله عليه وسلم. La sua intenzione era sincera ed Allah gli diede persone che lo seguirono ed egli continua ad essere ricordato e coloro che sono rimasti dopo di lui, supplicano per lui رحمه الله e lo ricompensi con la migliore delle ricompense per conto della Ummah di Muhammad صلى الله عليه وسلم.

Imam Malik ha narrato nel Muwatta che il Messaggero di Allah صلى الله عليه وسلم poneva la sua mano destra sulla sua mano sinistra durante la preghiera. E questa era la pratica di Imam Malik رحمه الله il quale, se avesse avuto una ragione per non eseguire quanto citato in un hadith, avrebbe aggiunto alla fine della narrazione ‘e la nostra azione non è in accordo con questo’; cioè l’azione dei Sapienti di Medina non era in accordo con questo. Quindi, Imam Malik رحمه الله ha detto questo alla fine di questo hadith? La risposta è no. Non ha detto questo. Ed è così che sappiamo come Imam Malik ha agito in base a questo hadith.

Se qualcuno ci dice ‘allora perché si dice che Imam Malik pregasse con le sue mani in giù, al lato dei suoi fianchi’ ?

Io dico: Al-Hafidh ibn Abdul-Bar Al Maliki ha citato in At-Tamhid che ad Imam Malik رحمه الله fu offerta una posizione come giudice ed egli rifiutò. Questo perché chiunque è nominato giudice è sgozzato senza un coltello. Quindi egli rifiutò di essere nominato giudice e fu picchiato e divenne disabile a un braccio. Di conseguenza non fu più in grado di alzare il suo braccio. Quindi coloro che lo videro pregare in quel modo, trasmisero questo pensando che fosse a causa del suo madhab; in realtà questo non era per via del suo madhab رحمه الله.

Durante la fine della vita di Imam Malik رحمه الله egli non uscì per la preghiera in congregazione. Allora, possiamo dire che il madhab di Imam Malik fosse che un uomo non esce per la preghiera in congregazione? No; mai. Piuttosto Imam Malik رحمه الله si ammalò durante la fine della sua vita, di una malattia che gli impedì di andare in moschea. Egli diceva: ‘Ogni individuo con una scusa, non è in grado di rivelare la sua scusa’. Questo perché la sua scusa era nascosta alla gente e non era opportuno menzionarla.

Quindi diciamo: Il nostro credo è che il madhab di Imam Malik رحمه الله era di porre la mano destra sulla mano sinistra durante la preghiera; perché egli lo narrò nel suo Muwatta. Tutti i quattro Imam, Imam Malik, Imam Aba Hanifa, Imam Shafi’i e Imam Ahmad hanno detto: “Se un hadith è autentico allora questo è il mio madhab“. E Imam Malik ha giudicato autentico il hadith sul porre la mano destra sulla mano sinistra durante la preghiera; e la prova di questo è la sua narrazione nel Muwatta. Quindi diciamo: porre la mano destra sulla mano sinistra durante la preghiera è il madhab di questo nobile Imam. Che Allah abbia misericordia di lui e lo perdoni.

Fonte
Traduzione a cura di alghurabaa.net