Tenetevi forte alla corda di Allah tutti insieme e non siate divisi (prima parte)

rope bridge

Autore: Shaykh Rabî‘ ibn Hâdi al-Madkhali (hafidhahullah)

Allah afferma:

﴿يأَيُّهَا الَّذِينَ ءَامَنُواْ اتَّقُواْ اللَّهَ حَقَّ تُقَاتِهِ وَلاَ تَمُوتُنَّ إِلاَّ وَأَنتُم مُّسْلِمُونَ – وَاعْتَصِمُواْ بِحَبْلِ اللَّهِ جَمِيعاً وَلاَ تَفَرَّقُواْ وَاذْكُرُواْ نِعْمَةَ اللَّهِ عَلَيْكُمْ إِذْ كُنتُم أَعْدَآءً فَأَلَّفَ بَيْنَ قُلُوبِكُمْ فَأَصْبَحْتُم بِنِعْمَتِهِ إِخْوَاناً وَكُنتُمْ عَلَى شَفَا حُفْرَةٍ مِّنَ النَّارِ فَأَنقَذَكُمْ مِّنْهَا كَذلِكَ يُبَيِّنُ اللَّهُ لَكُمْ ءَايَـتِهِ لَعَلَّكُمْ تَهْتَدُونَ ﴾

{E aggrappatevi forte, tutti insieme, alla Corda di Allah (il Suo Qur’ân), e non siate divisi tra di voi; e ricordate il favore di Allah per voi, perché eravate nemici gli uni degli altri, ma ha unito i vostri cuori così che, per Sua Grazia, siete diventati fratelli. Ed eravate sull’orlo di una voragine di fuoco, e vi ha salvato. Così Allah vi rende chiari si Suoi segni, così che possiate essere ben guidati.} [Surah Âl-‘Imrân 3:103] 

Shaykh Rabî‘ ibn Hâdi (hafidhahullah) ha detto:

وَاعْتَصِمُواْ بِحَبْلِ اللَّهِ جَمِيعاً

 {E aggrappatevi forte, tutti insieme, alla Corda di Allah}

“Questo è [un comando] diretto a tutta la Ummah, [valido] fino al momento in cui sarà stabilita l’Ora [cioè il Giorno del Giudizio]. È obbligatorio che ciascuno si tenga stretto alla corda di Allah e che non vi siano divergenze. Ciascuno di noi è responsabile [della messa in pratica] di questo magnifico comando, in altre parole di tenersi forte alla corda di Allah. Il termine:

جَمِيعاً

“tutti insieme”

“Tutti insieme” ha il significato di tutta la Ummah e significa l’Islâm nel suo complesso:

﴿يَـأَيُّهَا الَّذِينَ ءَامَنُواْ ادْخُلُواْ فِي السِّلْمِ كَآفَّةً

{Oh voi che credete, entrate nell’Islâm completamente …} {surah al-Baqarah 2:208]

Questo significa: non tralasciate nulla che faccia parte dell’Islâm e siate fermi su quella via. Quanto all’affermazione:

وَلاَ تَفَرَّقُواْ

“e non siate divisi tra di voi”

Essa rappresenta un ordine per tutta la Ummah, [l’ordine] di aggrapparsi forte [alla corda di Allah]. È anche un divieto, [il divieto] di ogni forma di separazione e di ciò che la causa. Non separate la Ummah, facendo qualcosa che la divida. Davvero questo è un crimine tremendo e un fatto pericoloso, che Allah ce ne protegga.  Ciascuno di noi ha il dovere di essere sollecito nel tenersi forte alla corda di Allah e di chiamare la gente a fare altrettanto. Sta a noi anche mettere in guardia contro i vari aspetti della separazione. Se una persona commette un atto d’innovazione o un atto malvagio, questo porta alla separazione. Allah dice:

﴿إِنَّ الَّذِينَ فَرَّقُواْ دِينَهُمْ وَكَانُواْ شِيَعًا لَّسْتَ مِنْهُمْ فِى شَىْءٍ

{In verità, coloro che dividono la loro religione e si separano in sette, tu [Muḥammad] non hai nulla a che vedere con loro …} [Surah al-An‘âm 6:159]

[In questo verso] Allah ha liberato il Messaggero da coloro che dividono la Ummah e causano separazione nella religione. Questa è una prova del pericolo delle faccende dell’innovazione. Abu Hurayrah (raḍi Allahu ‘anhu – che Allah sia soddisfatto di lui), e anche altri, l’hanno spiegato. Allah ha detto:

{In verità, coloro che dividono la loro religione e si separano in sette, tu [Muḥammad] non hai nulla a che vedere con loro …} [Surah al-An‘âm 6:159]

Alcuni degli studiosi hanno spiegato che quello che si intende è il kufr; altri l’hanno inteso come i fatti dell’innovazione. Il verso lo implica. Implica le faccende del kufr e quelle dell’innovazione. Quante volte Allah ha messo in guardia contro la separazione, proprio come appare in questo verso riguardo alla colpevolezza di coloro che causano lo scisma [come citato] in surah al-An‘âm. Questo è simile al modo in cui Allah ha colpevolizzato e ha avvertito dei fatti della separazione in surah ar-Rûm. Allah ha detto:

 

وَأَقِيمُواْ الصَّلوةَ وَلاَ تَكُونُواْ مِنَ الْمُشْرِكِينَ – مِنَ الَّذِينَ فَرَّقُواْ دِينَهُمْ وَكَانُواْ شِيَعاً كُلُّ حِزْبٍ بِمَا لَدَيْهِمْ فَرِحُونَ ﴾

{… e stabilite la preghiera e non siate degli idolatri – [non siate di] coloro che dividono la loro religione e si separano in sette, ogni setta che gioisce di quello che ha.} [Surah ar-Rûm 30:31-32]

Allah ha reso il fatto della separazione una delle caratteristiche dei politeisti. Ci ha comandato di stabilire la preghiera e di non essere dei politeisti nelle faccende di divisione, scisma e settarismo. Essi fanno parte delle caratteristiche dei politeisti e non sono caratteristiche dei credenti sinceri che si sottomettono al comando di Allah, alla Sua religione e alla Sua legge. Non fa parte delle caratteristiche di coloro che sono obbedienti ad Allah ed al Suo Messaggero (ṣalla Allahu ‘alayhi wa sallam). Le faccende di separatismo e partigianeria sono caratteristiche dei politeisti, che includono Ebrei, Cristiani e idolatri.

“Ogni setta che gioisce di quello che ha.”

[Ovvero di quelle parti della religione, autentiche o fittizie, che sceglie di seguire.] Guardate fino a che punto la devianza ha spinto queste persone: la persona [mal guidata] gioisce della falsità. È felice dell’innovazione. È contenta del politeismo ed ha ḥizbiyyah [partigianeria] per esso. Ne prende le difese. Arriva perfino a combattere per esso. Può compiere grandi sforzi nella difesa di ciò che è falsità [essendo uno di coloro che gioiscono di quello che hanno]. Questo fatto avviene tra i politeisti in generale e anche in molte sette che si auto-attribuiscono all’Islâm. L’individuo [sviato] sminuisce la verità, la distorce e mette in guardia contro chi la segue. Può darsi che questa persona sia anche pronta a lottare contro di loro [i seguaci della verità] e ucciderli. Egli si presta a sostenere la falsità perché Satana ha reso bello ai suoi occhi ciò che invece è falsità e devianza – e che Allah ce ne protegga. Questa persona gioisce della falsità, rischia la vita nello sforzo di chiamare altri ad essa e spende dei propri averi al fine della sua diffusione e difesa. Questa è una realtà che causa estremo dolore.

Dopo aver detto questo, qual è la situazione di coloro che includono se stessi nell’Islâm per quanto riguarda la gravissima colpa del causare divisione nella religione di Allah, creando scismi nella Ummah e avendo ḥizbiyah [settarismo] e per ciò che è falsità?

“ … e non siate divisi tra di voi.”

Vi sono molti versi che contengono il divieto della divisione. Anche il Profeta (ṣalla Allahu ‘alayhi wa sallam) proibì le faccende del separatismo. Egli lo biasimò e chiarificò che la destinazione delle sette che siano in opposizione al manhaj [metodologia] di Allah sarebbe stata il fuoco dell’Inferno.

“Tutte [le sette] tranne una.” (Musnad di Aḥmad e Ibn Mâjah)

Quindi, dobbiamo prendere ogni precauzione contro le faccende della divisione e dell’innovazione nella religione – e che Allah ce ne protegga. Dobbiamo fare la massima attenzione a non essere d’aiuto all’innovazione né alla difesa di chi la sostiene, come vediamo che a volte succede a gente che pretende di seguire la Salafiyah. Essi hanno un’alleanza con sostenitori di gravi innovazioni e rischiano la vita nel difenderli. Fanno guerra a Ahl as-Sunnah da parte loro [cioè da parte degli innovatori]. Che Allah ci protegga dal [cadere] in questa condizione malefica e cerchiamo rifugio [in Lui] da questa devianza.”

 

Fonte: http://main.salafyink.com/PDF/Quran/HoldRopeAllaahPt1.pdf

Traduzione a cura di alghurabaa.net

Annunci