KHADIJA (radhi Allahu anha)

pearla

Fu la prima moglie del Profeta e il primo cuore a essere toccato e ad accettare la chiamata all’Islam. Si trattava di Khadija bint Khuwaylid. Quando raggiunse l’adolescenza divenne nota come Taahira (giusa, virtuosa) per il suo carattere nobile e sublime. [Al-Isabah di Ibn Hajr (8/60)] 

Fu sposata, ma successivamente sia il padre che il marito morirono, lasciandola alle prese con il commercio. Khadija divenne una donna d’affari nel suo pieno diritto, conosciuta e rispettata da tutti i Qur’aysh (La tribù più nobile alla Mecca, i custodi della Ka’bah e la tribù da cui Khadija e il Profeta venivano) per il suo nobile carattere , per la sua ricchezza e le sue buone maniere.

Venne a conoscenza dell’onestà del Profeta e di come fosse acclamato come al-Amin (l’affidabile) tra la gente, e così gli chiese se poteva condurre la sua merce alle varie destinazioni – egli accettò.

All’età di venticinque anni, il Profeta Muhammad, sallAllahu ‘alayhi wa sallam, accettò la proposta di Khadijah, sua lontana cugina, che aveva quindici anni più di lui. Hanno avuto sei figli: due figli, Qasim e ‘Abdullah, entrambi i quali morirono in tenera età, e quattro figlie, Zaynab, Ruqayah, Umm Kulthum, e Fatimah.

Quindici anni più tardi, cosa scopriamo Khadijah dire quando il Profeta, sallAllahu ‘alayhi wa sallam, andò da lei con il suo cuore tremante dopo aver ricevuto la prima rivelazione? Lui la informò di ciò che avvenne e le disse: «O Khadija cosa mi è successo ? Temo per me stesso. ” Lei rispose:” Non può essere. Sii felice. Giuro su Allah che Egli non ti umilierebbe mai. Per Allah, tu mantieni i legami di parentela, dici la verità, sopporti gli oneri delle persone, aiuti gli indigenti, intrattieni gli ospiti e intervieni nelle vicissitudini che riguardano il popolo. “(Segnalato da ‘Aisha e raccolto da Muslim (Trad. Inglese vol.1 No.301 pp.96-8). Imam an-Nawawi, che ha scritto il commento Sahih Muslim, ha detto che gli studiosi hanno spiegato la dichiarazione di Khadija dicendo che ella sapeva che Allah non avrebbe mai permesso che, a colui che aveva ricevuto il dono di generosità e di nobili maniere da Lui, fosse colpito da follia, in quanto le buone maniere sono di per sé una benedizione di Allah).

Guardate alla sua convinzione in ciò che il Profeta diceva, sallAllahu ‘alayhi wa sallam. Fermatevi un attimo e osservate le sue parole pesanti. Lei non ha dubitato, né mostrato la minima esitazione verso le parole che ha pronunciato. In realtà lei era la sua più grande fonte di conforto, la prima a fornirgli sicurezza e sincerità. Testimonió la ricezione da parte del marito del ruolo di messaggero e fu la prima a credere in lui, e chi avrebbe potuto conoscerlo meglio? Dopo tutto, era stata sposata con lui per quindici anni. Lei era convinta che soltanto uno di sol tal’ eloquenza avrebbe potuto essere degno di rivelazione da Allah, e quindi il suo è stato il primo cuore ad essere toccato, e ad accettare l’Islam.

Tuttavia, la sua lealtà e il suo supporto non culminavano lì. Accettando e sostenendo la sua chiamata [del messaggero] al culto di Allah solo, Khadija, una donna molto stimata tra i Qur’aysh, ora stava denunciando il loro modo di vita, e i Qur’aysh erano un popolo fiero e benestante; e la Mecca era al centro delle negoziazioni e la casa degli idoli – molto venerata dai Qur’aysh. Essi non avrebbero avuto nessuna intenzione di farsi indietro e di consentire a un uomo adesso di venire a predicare uno stile di vita alieno a loro, rifiutando le loro credenze e tutto ciò che rappresentava. E ricordate che quando l’Islam fu inizialmente praticato, i musulmani erano pochi, e, in un periodo di prova, Khadijah rimase accanto al Messaggero di Allah sostenendolo ogni volta che i Qur’aysh lo rinnegavano o gli mostravano ostilità. Lo assistette nella predicazione delle parole di Allah e quindi assistette alla divisione tra le persone di fede (Iman) e quelli non credenti (kufr).

Ciò è continuato fino alla sua morte nell’ undicesimo giorno del mese di Ramadan del decimo anno della Profezia – all’età di sessantaquattro. Il Profeta, sallAllahu ‘alayhi wa sallam pensava spesso a Khadijah . Basta aprire qualsiasi libro scritto sulla vita del Profeta Muhammad, sallAllahu ‘alayhi wa sallam, e non mancherà di trovare menzione di Khadijah bint Khuwaylid e relative prove della sua eccellenza. Il Profeta, sallAllahu ‘alayhi wa sallam, ha detto: “Sufficienti per voi, tra le donne dei mondi sono, Mariam bint Ibrahim [la madre di Isa], Khadijah bint Khuwaylid, Fatimah bint Muhammad [sallAllahu’ alayhi wa sallam] e ‘Asiyah, la moglie di Fir’aun [Faraone] “(Sahih -.. Segnalato da Anas in Ahmad, at-Tirmidhi e altri, dichiarato autentico da al-Albani nel suo Tartib Sahih ul-Jami ‘(n ° 18).

Ulteriore prova dell’amore intrinseco del Profeta per Khadijah può essere visto in una dichiarazione di Aisha: “Non ero gelosa di nessuna delle mogli del Profeta così come lo ero di Khadijah. Non l’ho mai vista, ma lui la menzionava spesso e spesso uccideva una pecora, la tagliava a pezzi e la inviava a turno, tra gli amici di Khadijah. Gli dicevo spesso: ‘Sembra che Khadijah sia l’unica donna al mondo!’ E lui rispodeva: ‘Era davvero una donna raffinata e ho avuto figli da lei “(A cura al-Bukhari (eng Trans.. . Vol.5 p.104 No.166) e Muslim (eng. Trans. Vol.4 p.1297 No.5972))

Così abbiamo i modelli perfetti, ed è solo attraverso la loro lettura , che possiamo veramente amarli e desiderare di essere come loro, e capire perché sono gli occupanti felici di al-Jannah. E Jibril, ‘alayhis-salaam, è venuto con la buona notizia da Allah, dicendo al Messaggero, sallAllahu’ alayhi wa sallam, “Quando [Khadijah] viene, dalle un saluto dal suo Signore e me, e dalle la buona notizia che in Jannah avrà una casa di perle brillanti, in cui non ci sarà alcun clamore o fatica. “(Riportato da Abu Hurayrah e raccolto da al-Bukhari (vol.5 pp.104-5 No.168) e Muslim (Vol.4 p.1297 no.5967))

Che Allah sia soddisfatto di lei e ci doni ogni capacità di essere come lei.

Amin.

Fonte: Ad-Da’wa ilalaah’ Magazine
Traduzione a cura di www.alghurabaa.net

Annunci