Quando Allah Vuole il Bene di Qualcuno, gli dà la Comprensione del Dîn (religione).

heart book

Autore: Shaykh  ‘Abdur-Raḥman bin Nâsir As-Sa‘di (rahimahullah)

Fonte: http://main.salafyink.com/PDF/Hadeeth/goodfor.pdf

Su autorità di Mu‘âwiyah (che Allah sia soddisfatto di lui), il quale ha narrato che il Messaggero di Allah (che Allah ne innalzi il rango e gli dia pace) disse:

“Quando Allah vuole il bene di qualcuno, gli dà la comprensione del Dîn (religione).”  [Riportato da Bukhâri e Muslim]

Questo ḥadîth è una delle più grandi (prove della) superiorità del sapere (benefico). Con esso (si intende) che la conoscenza benefica è un segno di felicità per il servo ed anche un segno (del fatto) che Allah voglia ciò che è bene per lui.

La comprensione della religione include la comprensione dei principi fondamentali dell’Imân, delle faccende legislative e delle disposizioni dell’Islam, oltre che alle realtà dell’Iḥsân. Questo perché il Dîn comprende tutti e tre gli aspetti. Come nel ḥadîth di Jibrîl (pace su di lui), quando chiese al Profeta (che Allah ne innalzi il rango e gli dia pace) riguardo ad Imân, Islam ed Iḥsân. Egli gli rispose definendo ciascuno di essi. Egli (che Allah ne innalzi il rango e gli dia pace) spiegò l’Imân (affermandone) i sei principi (cioè i sei pilastri dell’Imân), l’Islam (affermandone) i cinque principi (cioè i cinque pilastri dell’Islam) e (chiarificò) l’Iḥsân con la seguente affermazione:

“(È) Adorare Allah come se Lo vedessi e, anche se non Lo vedi, sappi che Lui vede te.”

Quindi, contenuti in tutto questo, sono anche la comprensione della ‘Aqîdah da parte del servo, (il fatto) che egli sappia quale fosse la via dei Salaf riguardo ad essa e l’esserne convinto (sia) interiormente (che) esteriormente. Inoltre, (incluse in questa comprensione) sono anche la conoscenza del modo in cui quei (gruppi ignoranti) che differirono (da essa) furono fuorviati e andarono contro la metodologia del Salaf, nonché la chiara consapevolezza della loro devianza dal Kitâb (il Corano) e dalla Sunnah.

Il Fiqh (il Diritto Islamico) rientra anch’esso in questa (comprensione), (nei suoi) principi fondamentali (uṣûl) e ramificazioni (furû‘a). (Questo significa) essere a conoscenza dei verdetti riguardo agli atti di culto, alle interazioni con gli altri, ai crimini ed alle (rispettive) punizioni ed altro ancora.

Inclusa in questa (comprensione della religione) è anche la comprensione delle realtà dell’Imân. (Questo significa) sapere come comportarsi adeguatamente verso Allah secondo il Kitâb (il Corano) e la Sunnah. Similmente, è inclusa anche la conoscenza di qualsiasi (ramo del sapere) che aiuti a comprendere la religione; come la scienza della lingua araba e tutti i suoi settori.

Quindi, quando Allah vuole il bene di qualcuno, gli dà la comprensione di queste faccende (elencate sopra) ed il successo in esse. La (corretta) comprensione del ḥadîth indica anche che Allah non desideri il bene di chi si allontani completamente da queste scienze. Questo è dovuto alla negazione, da parte dell’individuo, di questi mezzi e modi di ottenere il bene e raggiungere (e meritare) la felicità.

Traduzione a cura di alghurabaa.net

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...