Sulla permissibilità per la sposa di andare all’hammam, dal parrucchiere e abbellirsi con l’hennè

dz-w

Fatwa 782

La domanda:

Qual è la sentenza sul fatto che la sposa va all’hammam, dal parrucchiere e si abbellisce con l’hennè?

La risposta:

Ogni lode spetta ad Allah, il Signore dei mondi. Che la pace e le benedizioni siano su colui che Allah ha mandato come misericordia per i mondi, sulla sua Famiglia, i suoi Compagni e i suoi Fratelli fino al Giorno della Resurrezione

Per quanto riguarda l’hammam, non è permesso alla donna entrarci, come stabilito dal detto del Profeta صلَّى الله عليه وسلَّم , “Colui che crede in Allah e nell’Ultimo Giorno non deve mandare sua moglie all’hammam” (1) e il suo detto, “L’hammam è proibito alle donne della mia nazione” (2) e il suo detto, “Per Colui nella cui mano è la mia anima, ogni donna che toglie i suoi vestiti in qualsiasi luogo che non sia la casa di una delle sue madri, ha rimosso tutti i veli tra lei e Ar-Rahman (Il Misericordioso)” (3) 

Per quanto riguarda andare dal parucchiere, è proibito allo scopo di bloccare la via verso il male, perché la maggior parte delle donne titolari di queste parruccherie e saloni di bellezza, o si mischiano agli uomini, quindi in questo caso non è permesso mostrar loro i propri ornamenti, oppure esse non rispettano la religione. Quindi andare da loro è un modo di acconsentire alla loro corruzione, vale a dire, alterare la creazione di Allah e sedurre. D’altronde, anche se fossero salde nella religione, non è comunque permesso acconciare i capelli come le donne miscredenti, di facili costumi e prive di valori morali. Ad ogni modo, se sua sorella nella fede le pettina i capelli, non nei modi che abbiamo citato in precedenza, allo scopo di abbellirsi per suo marito, allora questo è permesso.

Per quanto riguarda l’hennè, se è allo scopo di farsi bella per suo marito, allora è raccomandato, se è per se stessa allora è permesso ma non deve mostrarlo a persone estranee dato che è considerato come un ornamento, solo in caso di necessità, come riportato da Aisha la madre dei credenti رضي الله عنها che ha detto, “Una donna fece un gesto da dietro a una tenda per indicare che aveva una lettera per il Profeta صلَّى الله عليه وسلَّم. Il Profeta صلَّى الله عليه وسلَّم avvicinò la sua mano dicendo: ‘Non so se questa è la mano di un uomo o la mano di una donna.’. Ella disse: ‘No, di una donna.’ Egli disse: ‘Se fossi una donna, dovresti differenziare le tue unghie con l’hennè” (4)

Ad ogni modo, se è il giorno di “Tasdîra”(5), esso è accompagnato generalmente da credenze corrotte, tra queste: credere che la sposa che non mette l’hennè non avrà figli, che l’hennè allontana il malocchio e porta felicità, cose del genere dovrebbero essere bandite per proteggere le persone dallo Shirk (politeismo).

La conoscenza perfetta appartiene ad Allah عزّ وجلّ La nostra ultima preghiera e le lodi sono per Allah, il Signore dei mondi. Che la pace e le benedizioni siano sul nostro Profeta, la sua Famiglia, i suoi Compagni e Fratelli fino al Giorno della Resurrezione.

Shaikh Muhammad ‘Ali Ferkous

Algeri, 3 Safar, 1428 H.
Corrispondente al: 21 Febbraio 2007.

(1) Riportato da At-Tirmidhi, capitolo delle “Buone maniere”, riguardo all’andare all’hammam (hadith 2801) e da Ahmad (hadith 14651) sull’autorità di Jâbir رضي الله عنه. Giudicato Hassan (buono) da Al-Albani in Sahîh Al-Jâmi` (hadith 6506) e giudicato autentico in Sahîh At-Targhîb Wat-Tarhîb (hadith 163) ed in Âdâb Az-Zifâf (pagina 67).
(2) Riportato da Al-Hâkim (hadith 7784) sull’autorità di `Â’isha رضي الله عنها. Al-Albâni lo ha giudicato Hassan (buono) in Sahîh Al-Jâmi` (hadith 3192) e giudicato autentico in As-Silsila As-Sahîha (hadith 3439).
(3) Riportato da Ahmad (hadith 27038) e da At-Tabarâni in Al-Mu`jam Al-Kabîr (24/253) sull’autorità di Um Ad-Dardâ’ رضي الله عنها. Questo hadith è giudicato autentico da Al-Albâni in Âdâb Az-Zifâf (pagina 60). Vedi: At-Targhîb Wat-Tarhîb di Al-Mundhiri (1/119), Majma` Az-Zawâ’id di Al-Haythami (1/617) e As-Silsila As-Sahîha di Al-Albâni (7/1308) (hadith 3442).
(4) Riportato da Ahmad in Al-Musnad (hadith 26258). Abu Dâwûd ha riportato un hadith con questo significato, capitolo del “Pettinare i propri capelli”, sulle tinture per le donne (hadith 4166) sull’autorità di `Â’isha رضي الله عنها. Questo hadith è giudicato Hassan (buono) da Al-Albâni in Sahîh An-Nassâ’i (hadith 5089) e in Hijâb Al-Mar’a Al-Muslima (pagina 32).
(5) Tasdîra: il fatto che la sposa indossi abiti diversi, uno dopo l’altro, nel giorno del matrimonio, per mostrarli alle donne invitate. Nota del traduttore.

Traduzione a cura di www.alghurabaa.net
Pubblicazione autorizzata dall’amministrazione di www.ferkous.com

Annunci