I primi dieci giorni di Dhul-Hijjah

I dieci giorni di Dhil-Hijjah iniziano con l’entrata del mese di Dhil-Hijjah. E terminano con il giorno di ‘Eid, il ‘Eid del sacrificio. Riguardo alle opere eseguite durante questo periodo (i dieci giorni), il Messaggero di Allah صلى الله عليه وسلم ha detto:

Non ci sono migliori opere, più amate da Allah, come quelle realizzate in questi 10 giorni.. Dissero: “Nemmeno il Jihad per la causa di Allah?. Egli disse: “Neppure il Jihad per la causa di Allah, ad eccezione di un uomo che esce rischiando la sua vita e i suoi beni e che torna con niente (ossia che perde la vita e i beni)..

E con questo, incoraggio i miei fratelli musulmani ad approfittare di questa opportunità estremamente importante, e di aumentare le opere devote durante questi dieci giorni di Dhil-Hijjah, come la recitazione del Corano e il dhikr di Allah, nelle sue diverse forme: dicendo Allahu Akbar, La ilaha illa Allah, Alhamdulillah e SubhanaAllah, dando sadaqah, digiunando e sforzandosi ad eseguire ogni opera devota.

Ciò che è sorprendente è che la gente non presta attenzione a questi [dieci] giorni. Durante le [ultime] dieci [notti] di Ramadan, si sforzano o no? Si sforzano! Ma durante i dieci [giorni] di Dhil-Hijjah vedi a malapena qualcuno che li distingue dagli altri giorni. Ma se una persona esegue opere devote durante questi dieci [giorni], egli ravviva le opere devote alle quali il Profeta صلى الله عليه وسلم ha indirizzato.

Quando questi dieci [giorni] entrano, se una persona vuole eseguire il sacrificio, [allora] egli non taglia nulla dai suoi capelli, le sue unghie e nemmeno dalla sua pelle. Non taglia nulla da queste [parti]. Questo avviene se vuole eseguire il sacrificio. Ma se qualcuno esegue il sacrificio per suo conto, allora non c’è problema. Quindi se una persona vuole eseguire il sacrificio per conto delle persone del suo nucleo familiare, allora egli esegue un [unico] sacrificio, come nella Sunnah. E i membri della sua famiglia non sono dovuti a trattenersi dal tagliare [da] i loro capelli, le loro unghie o la loro pelle. Chi è l’unico che è dovuto a non farlo? Chi? Colui che esegue il sacrificio, il padre. E ciò che sentite dire: “E’ proibito [tagliare dai capelli, unghie e pelle] per colui che esegue il sacrificio e colui per conto del quale viene eseguito il sacrificio.” allora questa è l’opinione di alcuni Sapienti. Quanto al hadith, il Profeta صلى الله عليه وسلم disse:

“Se uno di voi vuole eseguire il sacrificio, che non tagli nulla dai suoi capelli o unghie.”

Egli indirizzò le sue parole a colui che vuole eseguire il sacrificio.

Shaikh Ibn Al-‘Uthaymin رحمه الله
Fonte