Un paese musulmano può collaborare con un paese non musulmano per combattere il terrorismo

Al-‘Allamah Ahmad Ibn Yahiya al-Najmi رحمه الله ha dichiarato:

“Ho già scritto un editto riguardo a questo, che contiene una spiegazione chiara della questione. Questo perché alcune persone ritengono che collaborare con le nazioni non musulmane per combattere il terrorismo, che Allah ed il Suo Messaggero hanno proibito, sia un atto di miscredenza ed apostasia.

La verità, della quale bisogna essere al corrente, è che se un gruppo di non musulmani fa appello a noi per collaborare con loro, e loro per collaborare con noi, per combattere qualcosa che l’Islam ha proibito e ordina che venga combattuto e fermato, allora questo ci è permesso.

Se, ad esempio, essi ci facessero un’offerta per fermare l’usura o per combattere il terrorismo – ossia bombardamenti eseguiti da alcuni individui tra i musulmani e che [essi] sostengono sia un atto di adorazione – allora noi diremmo che collaboreremo con loro [per combattere e fermare il terrorismo].”

Fath al-Rabb al-Ghafur Dhi al-Rahmah, pag 81-82
Traduzione a cura di alghurabaa.net

Annunci