La cosa migliore con la quale rompere il digiuno

Da Salman Ibn Amer al-Dabi رضى الله عنهما, che il Profeta صلى الله عليه وسلم disse:

“Quando uno di voi rompe il suo digiuno, che lo rompa con dei datteri. Se non trova i datteri, allora che rompa il suo digiuno con l’acqua, dato che è pura.” (Narrato dai cinque Sahahun, autenticato da Ibn Khuzaymah, Ibn Hibban e al-Hakim)

Shaikh Salih al-Fawzan حفظه الله:

Questo contiene una spiegazione di ciò con cui la persona dovrebbe rompere il suo digiuno.

La cosa migliore, con la quale rompere il digiuno, sono i datteri e nient’altro prima [di essi], per via delle loro qualità e benefici medici.

Quindi, chi ha a disposizione dei datteri, che rompa il suo digiuno con essi. Se non trova i datteri, allora l’alternativa è l’acqua perché l’acqua è pura. Pulisce, purifica lo stomaco e lo nutre. Quindi, rompe il suo digiuno con i datteri. Se non trova i datteri, allora rompe il suo digiuno con l’acqua.

Questo è quello che il Profeta صلى الله عليه وسلم faceva.

Egli rompeva il digiuno con i datteri freschi (Rutabat). Se non c’erano datteri freschi, allora aveva i datteri secchi (Tamarat). Se non c’erano i datteri secchi, allora beveva tre sorsi d’acqua. La differenza tra il Rutab e il Tamr è che il Rutab è il dattero fresco che matura sulla palma da dattero. E con Tamr si indicano i datteri secchi.

Se [egli] non trova nessuno dei due…. la cosa migliore sono i datteri freschi, poi i datteri secchi, poi l’acqua. E se rompe il suo digiuno con qualcosa di diverso, che sia cibo o bevanda, allora non c’è problema. Tuttavia, la dichiarazione [del Profeta] spiega ciò che è la Sunnah ed è meglio.

Fonte
Traduzione a cura di alghurabaa.net