Shaikh Salih al-‘Usaymi

[11] Imparate la certezza

E l’undicesimo principio riguarda la certezza (iaqin).

Khalid Ibn Ma’dan رحمه اللّٰه uno dei tabi’in disse: “Imparate [ad ottenere] la certezza, così come imparate il Corano.” Raccolto da Ibn Abi Dunya nel suo libro Al-Yaqin e Abu Nu’aym Al-Asbahani in Hilyaytul Awliya.

(altro…)

Musa عليه السلام e ‘Isa عليه السلام ma Muhammad ﷺ … Perché?

Qui, egli ha detto: “Musa ‘alayhi as-salam (su di lui la pace) e ‘Isa ‘alayhi as-salam”. Quando si cita il Profeta egli dice sallAllahu ‘alayhi wa sallam (la pace e la benedizione di Allah su di lui). Perché li differenzia? In generale, questo è da attribuire alla nobile gente del ‘ilm, corretto o no? Corretto.

(altro…)

[10] Perfezionare l’adorazione (‘ibadah)

Il decimo argomento riguarda il perfezionamento dell’adorazione (‘ibadah).

Al-Hasan Al-Basri disse a Abi Raja Al-Utaridi رحمهم الله, ed entrambi erano tra i Tabi’in: “Non sai che ‘Umar رضي الله عنه diceva, ‘Imparate la lingua araba e il perfezionamento dell’adorazione [di Allah].’ “. E ciò che si intende con il perfezionamento dell’adorazione [di Allah] è adorare Allah con eccellenza, come citato da Ibn Rajab.

(altro…)

Diventare un illustre ricercatore di conoscenza?

[L’interrogante] dice:

Quanti testi deve memorizzare un ricercatore di conoscenza per distinguersi?

(altro…)

La nostra condizione con il Corano

Qualsiasi questione, che si tratti di notizie o di un ordine, della quale vuoi conoscere la natura o il suo chiarimento, invero il fondamento della sua spiegazione è il Nobile Corano. Che si tratti di questioni passate o questioni nuove che si stanno verificando. La spiegazione delle questioni passate è nel Corano, correttamente ed equamente, [sotto forma di] notizie e ordini e le questioni nuove sono nel Corano. Ma la cosa più importante è la veridicità (sincerità) nel dirigersi verso il Corano, perché è da colui che si dirige verso il Corano con veridicità/sincerità, con un cuore colmo di amore per la Parola di Allah سبحانه وتعالى, sottomettendo la sua lingua recitandolo abbondatamente, [è da lui] che scaturiscono le fonti della comprensione. Infatti, a colui che legge e memorizza molto il Corano, comprendendolo, e meditandoci su, che lo ripete e lo ascolta molto, appariranno tantissimi significati che ad altri non saranno evidenti. (altro…)