Iqamah, Adhan e Amin della donna – Shaykh al-Albani

solar-minarets

D: “Una donna deve alzare la voce quando dice ‘amin’ durante la preghiera, e inoltre per l’Adhan e l’Iqamah?” 

Shaikh al-Albani:

“Se lei sta pregando con le donne, allora sì, alza la voce quando dice ‘amin’, ma se sta pregando con uomini che non sono suoi mahram, allora no. Poiché io non dico che la voce di una donna è `awrah, come dicono molti, dal momento che le Madri dei credenti e le mogli dei Compagni fin dai primi tempi erano solite parlare e discutere con gli uomini. Ed era solito che una donna andasse dal Profeta sallallahu alayhi wasallam, per chiedergli qualcosa davanti agli uomini, e lui sallallahu alayhi wasallam rispondeva alla sua domanda. Ma (qui), non rientra nelle regole che una donna alzi la voce quando recita il Corano. Spesso ci viene chiesto se è lecito per una donna – quando sta imparando a recitare da uno Shaikh, un Muqri – ripetere la recitazione (a lui) in modo che egli possa correggerla. La risposta è no. Anche se lei apprende, il suo apprendimento è limitato solo all’ascolto, come le donne di tutti i Compagni impararono dal Messaggero di Allah,sallallahu alayhi wasallam, ascoltando la sua recitazione durante la preghiera o al di fuori della preghiera.

Se una donna prega con le donne, mentre lei è l’imam, alza la voce e anche le donne dietro di lei alzano la loro voce. Ciò è dovuto alla sua, sallallahu alayhi wasallam, dichiarazione: ‘In verità le donne sono le controparti degli uomini’ [1] vale a dire per ogni decisione che si rivolge agli uomini, anche le donne sono incluse in questa decisione, ad eccezione di ciò che è stata resa un’eccezione. Ad esempio, è meglio per una donna, a differenza della preghiera del tarawih – si prega di prestare attenzione – a differenza della preghiera del tarawih, pregare nella sua casa, mentre è obbligatorio per un uomo pregare le cinque preghiere nella moschea con la congregazione. Così qui, la donna non è come l’uomo. Ma il principio fondamentale è come lui, sallallahu alayhi wasallam, ha detto: ‘In verità le donne sono le controparti degli uomini.’

Quindi, se una donna conduce le donne in preghiera come un imam, lei si comporta come un uomo si comporterebbe nel ruolo di imam.

In primo luogo: alza la voce quando recita e quando dice ‘amin,’ e anche le donne dietro di lei alzano la voce quando dicono ‘amin’.

In secondo luogo: non solo la donna conduce le donne in preghiera come un imam, anzi dà anche l’ Adhan e l’Iqamah. Perché? A causa del hadith precedente: ‘In verità le donne sono le controparti degli uomini.’ Inoltre, Aishah – la Madre dei credenti e la più importante delle Madri dei credenti in fiqh, scienza islamica e da`wah, che Allah benedica lei e suo padre – dava l’Iqamah e l’Adhan quando le conduceva in preghiera come un imam.

E qui vorrei richiamare la vostra attenzione su qualcosa che non è stato chiesto: anche qui la donna è diversa dall’uomo; poiché lei non fa un passo in avanti rispetto alla fila delle donne, ma piuttosto lei sta nel mezzo, come se lei fosse una dei componenti della fila. Lei non si pone davanti a loro. C’è anche un testo per quanto riguarda questo, e quindi una donna, in questo caso, non è inclusa nella generalità della sua, sallallahu alayhi wasallam, dichiarazione: ‘In verità le donne sono le contropartite di uomini’ ”

[1] Silsilat ul-hadith è Sahihah-2863

http://salaf-us-saalih.com
Traduzione a cura di www.alghurabaa.net

Annunci

One comment

I commenti sono chiusi.