Shaikh Salih as-Suhaymi

Innovare sulle questioni religiose

innovazione

Il senso dell’attestazione che Muhammad salla Allah alaihi wa sallem è il Messaggero di Allah implica che gli obbediamo nelle cose che ci ha ordinato e attestiamo la veridicità delle cose su di cui ci ha informati, che ci allontaniamo dalle cose che ha vietato o sconsigliato e che adoriamo Allah unicamente secondo la legislazione che ci ha trasmesso, senza nulla aggiungervi e nulla togliervi.
Perché in verità, il profeta salla Allah alaihi wa sallem ha trasmesso tutto in modo completo e dettagliato, ha chiarificato tutti i punti, ha chiarito tutti gli argomenti, e ciò prima di raggiungere l’Altissimo […].
(altro…)

L’educazione dei nostri figli

scuola_libri

Riguardo all’educazione dei nostri figli, noi dobbiamo ricordare loro queste cose costantemente (si riferisce ai tre fondamenti), dobbiamo legarli al loro Signore, connetterli al loro Signore, dobbiamo riattaccarli ad Allah che è il loro Signore e il loro Dio, il solo a cui devono dedicare il culto esclusivo.
E certo, Egli è l’unico, il solo che merita che lo si adori, e così noi dobbiamo fare degli sforzi, se vogliamo che apprendino ciò che sarà loro davvero utile nella loro vita.
Da una lezione di Sheikh As-Suheymi sulla spiegazione de “I 3 fondamenti”.

Traduzione a cura di alghurabaa.net

Le feste legiferate

palloncini

L’Islam non riconosce che tre feste:

  • l’Id Al Fitr, la festa della rottura del digiuno alla fine del mese di Ramadan;
  • l’Id Al Adha, la festa del sacrificio, in ricordo del gesto di Ibrahim (Alayhi Assalam);
  • la festa settimanale del venerdì, Yawm al-Jumu’a. 

(altro…)

Shaikh Salih as-Suhaymi sulla “Khilafah” di ISIS

khawarj

Shaikh B. Salih Sad as-Suhaymi (hafidhahullah) ha detto riguardo ISIS:

ظهر الفساد في البر والبحر بما كسبت أيدي الناس ليذيقهم بعض الذي عملوا لعلهم يرجعون

“La corruzione è apparsa sulla terra e nel mare a causa di ciò che hanno commesso le mani degli uomini, affinché Allah faccia gustare parte di quello che hanno fatto. Forse ritorneranno [sui loro passi]? ” – [Surat ar-Rum: 41] (altro…)