‘ilm

O gente! Dedicatevi alla conoscenza benefica!

Te lo chiedo per Allah e prima di questo non dico che sia haram per te leggere i giornali ma ti chiedo per Allah: cosa è meglio? Che leggi il giornale dall’inizio alla fine o che memorizzi una pagina del Corano?

(altro…)

Come aumentare la propria conoscenza

Shaikh al-Islam Ibn Taymiyyah رحمه الله ha detto:

Se il servo mette in pratica ciò che sa, Allah gli farà ereditare una conoscenza della quale non era consapevole. Così come Allah تعالى ha detto:

“Sarebbe meglio che facessero quello a cui vengono esortati e ciò li rafforzerebbe (nella fede)” [4: 66] (altro…)

La più grande calamità che ha colpito i ricercatori di conoscenza

La prima questione alla quale devi prestare attenzione, se vuoi ricercare la conoscenza (el-‘ilm), è che devi affrettarti. Perché la vera calamità, quando si tratta di conoscenza, è la procrastinazione.

(altro…)

Ricominciare la lettura del Corano all’inizio di ogni Ramadan

coranorosa
La domanda:

Se non ho terminato la lettura del Corano prima di Ramadan, devo ricominciare dall’inizio con l’entrata (del mese) di Ramadan o devo finire la lettura e dopo riprendere dall’inizio?

(altro…)

La risposta a chi dice: ‘non ho bisogno di imparare la ‘aqidah’

muslimah

La domanda:

Ci sono alcune persone qui che evitano di partecipare alle lezioni sulla ‘aqidah (credo) e dicono: ‘siamo musulmani, non siamo miscredenti o adoratori di idoli che hanno bisogno di imparare la ‘aqidah o partecipare alle sue lezioni. Nobile Shaikh, qual è la sua opinione al riguardo?

Shaikh Salih al-Fawzan Ibn al-Fawzan حفظه الله:

Insegnare ai musulmani la ‘aqidah [corretta] non significa che li giudichiamo miscredenti. Piuttosto, noi insegniamo ai musulmani la ‘aqidah così che la conoscano a fondo, e conoscano ciò che la annulla e le questioni che la contraddicono.

Hudhayfah Ibn al-Yaman, uno dei compagni più illustri رضي الله عنه disse: “La gente aveva l’abitudine di chiedere al Messaggero riguardo al bene, ma io gli chiedevo del male, per timore di cadere in esso.” [2]

(altro…)