akhlaq

I quattro occhi

È riportato che Khalid bin Ma’dan رحمه الله disse:

“Non c’è persona che non abbia quattro occhi: due nella sua testa, con i quali guarda le cose di questa vita terrena, e due nel suo cuore con i quali guarda le cose dell’Aldilà. Quindi, se Allah vuole il bene per il Suo servo, Egli apre gli occhi del suo cuore e così [il servo] percepisce ciò che gli è stato promesso nel mondo invisibile. Così è salvo dalla [punizione] invisibile attraverso [la ricompensa] invisibile per colui che obbedisce.”

Al-Dhahabi, Siyar A’lam Al-Nubala’ 4: 543
Traduzione a cura di alghurabaa.net

Queste sono le maniere profetiche

… E allo stesso modo, quando leggi [ciò che disse il Profeta صلى الله عليه وسلم]: “Dove sei stato Aba Hurayrah?”; vieni a conoscenza di ciò che una persona dovrebbe fare se conosce qualcuno e lo cerca quando è assente.

(altro…)

Dieci buoni comportamenti

بسم الله الرحمن الرحيم

Sappi, che Allah guidi me e te ad avere i comportamenti migliori, che tra essi ve ne sono dieci:

Il primo: se incontri un musulmano, salutalo dicendo “السلام عليكم ورحمة الله وبركاته” e se [lui] ti saluta, rispondi [dicendo], “و عليكم السلام و رحمة الله وبركاته”.

Il secondo: se vuoi entrare da qualcuno, chiedi il permesso, stando in piedi a destra o a sinistra della porta. Se ti viene dato il permesso, entra, se ti viene detto di ritornare, va via (ritorna).

(altro…)

La morte dei cuori di cui non ci preoccupiamo

In questo anno 1441 Hijri [abbiamo avuto] incendi, tempeste, cavallette, malattie mortali, cicloni, varie calamità oltre che tortura, esilio e sangue che non smette [di scorrere], affinché tornassimo [da Allah] e ci pentissimo. (altro…)

I diritti dei Mu’allimin (insegnanti, sapienti e ricercatori)

I diritti dei Mu’allimin [gli insegnanti virtuosi (studiosi e ricercatori)] – Le persone devono riconoscere la loro eccellenza e le loro virtù di Imam As-Sa’di رحمه الله

Imam As-Sa’di رحمه الله ha detto: Essi [cioè i sapienti e gli insegnanti] sono i mediatori tra il Messaggero [sallal-laahu-alayhi-wasallam] e la sua Ummah, riguardo alla propagazione della sua religione e il chiarimento della sua Shari’ah. Se non fosse stato per loro, la gente sarebbe stata come il bestiame. Sono loro che guidano la Ummah nelle questioni fondamentali e secondarie della loro religione. Essi li guidano alle regole sui diritti e i rapporti ai quali una persona deve adempiere, così come li riconducono alle questioni che riguardano gli atti di adorazione.

(altro…)